GIACOMO PUCCINI

Lucca 1858 - Bruxelles 1924

 

 

Profonda drammaticità, tenero lirismo e la vivace orchestrazione delle sue opere fanno di Puccini uno dei maggiori protagonisti dell'arte lirica del XIX secolo. Puccini nacque da una famiglia di musicisti attivi a Lucca, il padre era stato organista e maestro del coro del Duomo. Dopo aver frequentato il ginnasio e l'istituto musicale della sua città, nel 1880 compose, come brano da presentare al Conservatorio di Milano dove intendeva iscriversi, la Messa di Gloria, Terminati gli studi presso il Conservatorio (1880-1883), dove fu allievo di Amilcare Ponchielli, Puccini compose la sua prima opera, Le Villi ( 1884), su libretto di Franco Fontana. Grazie a questa ottenne un contratto per una seconda opera, Edgar (1889), a seguito della quale strinse con l'editore musicale Ricordi un sodalizio destinato a durare per tutta la vita. L'intervallo di quattro anni intercorso tra la composizione delle due opere è indicativo delle modalità compositive di Puccini: frutto di scelte tormentate e ripensamenti, la stesura delle sue opere subì sempre delle interruzioni. La terza opera, Manon Lescaut (1893), venne salutata come la creazione di un genio. La Boheme (1896) alla prima torinese fu accolta piuttosto freddamente, nonostante la direzione di Arturo Toscanini. Sia Manon Lescaut sia  La Boheme definivano lo stile pucciniano nei suoi caratteri essenziali, dove l'intensità lirica ed emotiva si univa a una vivace orchestrazione. Il taglio narrativo era quello dell'opera verista, con situazioni e ambienti tratti dalla vita quotidiana e protagonisti che rifuggono da pose eroiche. Nella ricerca musicale, Puccini proseguiva invece lungo la strada indicata dalle ultime opere di Giuseppe Verdi, un declamato continuo sostenuto da un'orchestra partecipe agli avvenimenti. Risultava evidente, peraltro, l'influsso di Richard Wagner nell'impiego di motivi ricorrenti. Con Tosca (1900) Puccini esplorò il dramma verista a tinte forti, con scene violente e ritmi incalzanti, mentre con Madama Butterfly (1904) fa ritorno al personaggio della fanciulla innamorata e infelice. Fischiata alla Scala, l'opera trionfò a Brescia pochi mesi dopo. La fanciulla del West (1910) ambientata in America all'epoca della febbre dell'oro (1849-1850). Seguì l'operetta di scarso successo La rondine (1917) e Il Trittico, una triologia di atti unici composta da Il Tabarro, Suor Angelica e Gianni Schicchi (1918). Puccini morì mentre stava lavorando a Turandot, l'opera venne portata a termine da Franco Alfano e fu rappresentata per la prima volta nel 1926.

 

Giacomo Puccini: LA VITA

 

  1858 Nasce a Lucca, in Borgo S. Michele, il 22 dicembre, da Michele e da Albina Magi. Il ramo paterno, per tradizione, è composta da musicisti, regolarmente attivi nel Duomo di Lucca.
  1864 Muore a soli 51 anni il padre.
  1874 Intrapresa inevitabilmente la professione musicale, viene ammesso all'istituto musicale Pacini di Lucca.
  1876 Compone un preludio sinfonico.
  1880 Il 12 luglio, per la ricorrenza di San Paolino, fa eseguire la propria Messa di Gloria. In ottobre è a Milano per la prova d'ammissione al conservatorio. Suo insegnante è Antonio Bazzini; fra i compagni il corregionale Pietro Mascagni.
  1883 Viene eseguito al conservatorio il suo Capriccio sinfonico come saggio finale e il 16 luglio riceve il diploma.
  1884 Il 31 maggio va in scena al Dal Verme di Milano la sua prima opera Le Villi, con esito modesto. Inizia a convivere con una donna sposata, Elvira Bonturi, di origine lucchese.
  1885 Il 24 gennaio Le Villi vengono rappresentate alla Scala (13 repliche)
  1886 Nasce il figlio Antonio
  1889 Il 21 aprile prima alla Scala dell'opera Edgar, con Franco Faccio sul podio. accoglienza tiepida e tre sole repliche. Scoraggiato, pensa di emigrare in Sudamerica.
  1890 Inizia a lavorare a Manon Lescaut, abbandonando momentaneamente il progetto di Tosca, dramma di Sardou conosciuto l'anno prima.
  1893 Il 1° febbraio prima trionfale rappresentazione di Manon Lescaut al Teatro Regio di Torino. Inizia a lavorare alla riduzione delle Scenes de la vie de bohème di Murger e si scontra per ragioni di priorità con l'amico e collega Ruggero Leoncavallo.
1896 Il 1° febbraio Toscanini dirige la prima della Bohème al Regio di Torino. Soddisfatto il pubblico ma severo il giudizio della critica.
1899 S'incontra a Parigi con Sardou per modificare il libretto di Tosca.
1900 Grande successo di Tosca al suo debutto al teatro Costanzi di Roma il 14 gennaio. Inizia a cercare il soggetto per l'opera successiva.
1901 Inizia in marzo il lavoro con Luigi Illica su Madama Butterfly.
1903 In un incidente d'auto presso Lucca si frattura una gamba e resta a lungo immobilizzato.
1904 Il 3 gennaio nozze con Elvira a Torre del Lago. Il 17 fabbraio la prima di Madama Butterfly alla Scala si risolve con un fiasco clamoroso. Il 28 maggio l'opera risorge al Teatro Grande di Brescia.
1905 Viaggio a Buenos Aires con la moglie in giugno - luglio.
1906 in gennaio a New York, decide di lavorare sul testo che sarà La Fanciulla del  West; l'opera é destinata al Metropolitan.
1910 Il 10 dicembre assiste al Met al debutto della Fanciulla de West diretta da Toscanini. Ancora una volta i consensi del pubblico superano quelli della critica,
1912 Il 6 giugno muore a Milano il suo editore, Giulio Ricordi.
  1913 Riprende l'idea del Trittico e inizia il lavoro sulla sua prima parte, Il Tabarro. In novembre nasce il progetto di un'operetta, La Rondine, su commissione del Karltheater di Vienna.
1917 Inizia il lavoro su Suor Angelica, seconda parte del Trittico.
1918 Ultima Il Trittico, episodio conclusivo Gianni Schicchi e assiste alla sua prima rappresentazione il 14 dicembre a New York
1920 All'inizio dell'anno comincia a lavorare con Renato Simoni sul progetto di Turandot.
1922 Difficoltà con i librettisti per Turandot. Il 26 dicembre trionfale riproposta di Manon Lescaut alla Scala diretta da Toscanini.
1924 La sua salute peggiora rapidamente. Viene operato a Bruxelles il 24 novembre. Si spegne il 29 lasciando Turandot incompiuta. 
     
    Fonte: Opera Italiana  - Armando Curcio Editore

 

Le sue opere

 

Le Villi

Edgar

Manon Lescaut

La Boheme

Madama Butterfly

Tosca

La fanciulla del west

Trittico

La rondine

Turandot

 

Indietro

Home

Puccini  Verdi  Rossini

Pavarotti  | Del Monaco Domingo | Carreras

Callas

Abbado Muti

 Teatro Alla Scala

 

Torna Home Page Franco >>>>

 

- ©  2000   FraBaGi -